15 luglio 2013

In balia del destino

«Io arranco tra tutti quei fili di lana grigi che mi si attaccano alle gambe. Sono così pesanti da trascinare ... »

Questa pellicola è divisa in due capitoli: nel primo lo spettatore impara a conoscere Justine, una ragazza che nel giorno del suo matrimonio sembra ricordare più un' anima persa, sospesa nel vuoto, tormentata da qualcosa che non riesce a vivere come vorrebbe o forse vorrebbero i suoi cari  quello che viene definito "il giorno più bello della vita" (esclusa la madre) una donna che non riesce ad avere nessun contatto vero o legame con la vita terrena. Nel secondo capitolo invece si approfondisce il carattere di Claire, completamente diversa dalla sorella, rappresenta il reale, il concreto cioè una donna perfettamente a suo agio nel ruolo di moglie e di madre, al contrario della sorella tremendamente attaccata a tutto ciò che la circonda e alla sua famiglia ed è proprio questo l' elemento che le farà perdere il controllo (al contrario di Justine mantiene la calma) nel momento in cui capisce che Melancholia si sta avvicinando lentamente alla terra causandone la totale distruzione. E mentre il pianeta si avvicina alla terra le sorelle una volta distanti e incompatibili sembrano ritrovare una certa unione.

Lars Von Trier è certamente uno che divide il pubblico con le sue pellicole ma non si può negare il suo straordinario talento. Realizzare un film come questo a mio avviso non è cosa facile, richiede inteligenza e coraggio e il regista danese ne ha a volontà. Melancholia può quindi risultare per alcuni una pellicola incomprensibile o incompiuto ad altri invece può entusiasmare. Famoso per avere un carattere difficile e provocatorio (non ultima la sua affermazione su Hitler) in questo film racconta il dolore dell' esistenza umana e la depressione, temi pesanti e difficili che però fanno parte della nostra vita e proprio per questo devono essere trattati. A rendere il tutto più spettacolare ed affascinante ci sono la musica e la fotografia: alcune scene sembrano dei bellissimi dipinti, specie quelle iniziali, il tutto grazie ad uno slow motion ben realizzato. Melancholia è un film potente ed estraniante che travolge lo spettatore lasciandolo inerme. Veramente suggestivo.

 

19 commenti:

  1. Che filmone!
    Lars Von Trier consacrato.

    RispondiElimina
  2. Lo andai a vedere quasi subito dopo l'uscita. Sapevo che però sarebbe stato un film di "nicchia"...Mi lasciò incantata, le scene, i luoghi, totalmente al di fuori del mondo esterno, le musiche (wagner) mi catapultarono su un altro pianeta. La scena finale, quella dell'impatto, mi lasciò tramortita! certo, la seconda volta che l'ho visto questo film mi ha fatto un po' di rabbia perché tutto ciò che volevo fosse spiegato è invece lasciato ad intendere; ma non ha perso il suo carattere magnetico!
    Bella recensione!

    New Post
    Lo stile di Artemide
    Facebook

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai ragione, la scena finale è di forte impatto emotivo, la prima volta che ho visto questa pellicola ero spiazzata!

      Elimina
  3. Non onoscevo questo film ed è per questo che leggo conp iacere i tuoi post a riguardo, sono senz'altro d'accordo con te sull'importanza di sviluppare alcuni temi come la sofferenza e il doloe magari in un contesto particolare come questo del film. Da vedere!!

    RispondiElimina
  4. Non conoscevo questo film , però mi colpisce quello che leggo e sicuramente approfondirò.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se lo guardi fammi sapere cosa ne pensi :)

      Elimina
  5. grande intenditrice adoro leggere le tue recensioni
    http://www.pfgstyle.com/2013/07/hotel-bellevue-relais-chateaux-cogne.html

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Arrosisco alla parola intenditrice, non credo di esserlo vi propongo solo film che trovo interessanti. Comunque grazie mille per il complimento!

      Elimina
  6. Ottima recensione!
    www.vcavallarostyle.blogspot.it

    RispondiElimina
  7. Non lo conoscevo...ma cmq grazie x avermelo fatto scoprire :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie a te per la visita e il commento ;)

      Elimina
  8. neanche io lo conoscevo , mi hai incuriosito
    alessandra
    www.alessandrastyle.com

    RispondiElimina
  9. come sempre interessante!!! baci

    RispondiElimina
  10. ho visto la tentazione del male ma sai che non mi ha presa? proverò con questo :)
    ♡B.
    LOVEHANDMADE.ME

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Peccato! ma in effetti quel film come questo qua appartengono a quelli che dividono il pubblico probabilmente sono anche un pò di nicchia, chi li apprezza non sono in molti.

      Elimina
  11. Nonostante ogni dettaglio sia studiato nel minimo particolare non ho trovato questo film manierista in nessun istante.
    Toccante come ha affrontata la tematica della depressione.

    RispondiElimina