25 settembre 2013

Never let me go

Avete mai sperato che qualcuno non vi lasciasse mai? lo avete mai detto? Può sembrare una frase così banale. Suona come una supplica. La separazione però in alcuni casi è inevitabile, a prescindere dalla volontà delle persone, proprio come per i protagonisti di questa straziante pellicola: Never let me go racconta la storia di tre ragazzi, Tommy, Kathy e Ruth, legati sin dall'infanzia da una verità che riguarda non solo loro tre, ma tutti gli studenti di Hailsham. 
Tutti questi studenti infatti non sono persone normali ma cloni creati per poter donare organi sani da trapiantare, in caso di emergenza, a chi ne avesse bisogno. Sono stati creati solo a questo scopo e quindi destinati a rinunciare alla propria vita in favore di quella altrui.

Non lasciarmi è un vero e proprio pugno nello stomaco. Fa riflettere su molte cose, anche sull'etica del progresso scientifico. Questa storia può essere considerata solo fantascienza o un fondo di realtà c'è? fino a che punto siamo disposti ad arrivare in nome dello sviluppo?
I protagonisti, Carey Mulligan,  Keira Knightley e Andrew Garfield, dimostrano di essere bravi interpreti. Le loro espressioni riescono a comunicare molto più delle parole: le gelosie e i primi amori, lo stupore di fronte ad un mondo nuovo, lo sguardo speranzoso per una possibile via di fuga e la rassegnazione ad una vita già scritta. 
La scenografia è semplicemente perfetta, il cielo grigio della campagna londinese rappresenta benissimo l'atmosfera che si respira lungo tutta la visione del film. Oppressione e inquietudine, nonostante la narrazione delicata, accompagnano lo spettatore per tutto il tempo. A fine visione quindi rimane un senso d'impotenza di fronte alla storia di una libertà negata, di sentimenti interrotti, di vite impossibili. 

26 commenti:

  1. Ho visto questo film e non ne ho un bel ricordo... mi ha fatto "male" e mi ha lasciato proprio quel senso di impotenza mista alla tristezza...
    Un abbraccio e buona giornata!
    Lulu
    Life, Laugh, Love And Lulu!!

    RispondiElimina
  2. Non lo guarderò in questo periodo, ma quando sarò un po' più forte e serena :)

    RispondiElimina
  3. L'ho visto qualche tempo fa... e mi ha davvero lasciato l'amaro in bocca! Tutt'oggi ho sentimenti contraddittori su questo film, da un parte mi ha interessato e coinvolto molto ma dall'altra... non credo riuscirei a vederlo per una seconda volta :-/

    Un bacio :)
    Elena
    http://www.agooglyeyes.com/

    RispondiElimina
  4. Non lo conoscevo, sembra "straziante", non so se riuscirei a guardarlo serenamente!
    New post on Nelslicious
    Follow me on Facebook, Bloglovin & Twitter
    Baci (:

    RispondiElimina
  5. Anche se i commenti un po' mi "spaventano", adesso lo voglio vedere!! :) Adoro le tue recensioni! Un bacione e buon pomeriggio. Giada

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Guardalo è davvero bello anche se cupo!
      Grazie per il complimento! ^_^

      Elimina
  6. cupissimi sia il romanzo di Ishiguro che il film, entrambi mi hanno lasciato addosso un senso di freddo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il romanzo non l'ho ancora letto, ma da quello che ho saputo è anche meglio del film.

      Elimina
  7. L'ho adorato, adesso devo leggere il libro! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sí anche a me ha lasciato tristezza ma ho visto ben di peggio nella mia breve vita da cinefila...

      Elimina
    2. Credo sia una cosa molto soggettiva, personalmente questo film mi ha colpita come pochi altri.

      Elimina
    3. Anche io sono rimasta colpita se no non avrei lí il libro da leggere :)

      Elimina
  8. Cavolo io questo me lo sono proprio persa...mi hai messo una gran voglia...appena torno cerco di vederlo. Il libro come si chiama?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il libro di chiama come il film; Non lasciarmi :)

      Elimina
  9. È una storia molto forte , forse in questo momento ho bisogno di qualcosa di piú leggero...ma quando sarò più tranquilla lo guarderò sicuramente!
    Saluti
    Dany

    RispondiElimina
  10. Altro che fondo di verità...i genitori di bambini con leucemia sfornano figli nella speranza di farne nascere uno che abbia il midollo compatibile...senza mai chiedere il permesso di poterlo usare. Angosciante, triste...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ovviamente non tutti eh! Però qualcuno c'è purtroppo, la disperazione fa anche questo.

      Elimina
    2. Capisco la disperazione ma c'è un limite a tutto.

      Elimina
  11. Questo è il classico film che fa per me!!!

    Grazie del suggerimento!

    RispondiElimina
  12. Ho letto il libro l'anno scorso e ti assicuro che anche su carta il pugno nello stomaco c'è e forse è anche più intenso perché si prolunga su tutto le pagine, fino alla fine. Volevo recuperare il film ma devo prima trovare il coraggio...

    Ho un premio per te! :-)

    RispondiElimina
  13. Cavolo, dopo tutte queste opinioni tanto diverse.. Mi e' venuta una certa curiosita' a riguardo!!
    Passa a trovarmi!
    http://coolaunts.blogspot.com/?m=1

    Francesca

    RispondiElimina
  14. Gran bel film, davvero. La cosa che ti lascia basito, che ti strappa il cuore, è il modo in cui i tre ragazzi accettano l'ineluttabilità del loro destino: non credo che ci sia stato un solo spettatore che non si sia chiesto 'ma perchè non tentano di ribellarsi?' La risposta è che, forse, la terra promessa non esiste. Amarissimo e struggente.

    RispondiElimina