20 giugno 2013

Un mondo che fluttua

« Il cuore muore di morte lenta, perdendo ogni speranza come foglie, finché un giorno non ce ne sono più. Nessuna speranza. Non rimane nulla. Lei dipinge il viso per nascondere il viso, i suoi occhi sono acqua profonda. Non è per una geisha desiderare, non è per una geisha provare sentimenti. La geisha è un'artista del mondo che fluttua, danza, canta, intrattiene tutto quello che vorremmo. Il resto è ombra, il resto è segreto.» - Memorie di una geisha


A metà tra il reale e l' illusione, il misterioso mondo di una geisha sicuramente esprime agli occhi esterni sensualità e bellezza e rimane ancora oggi uno dei simboli del Giappone esotico di fine ottocento e inizi novecento, un periodo storico molto complesso nel quale si comincia a perdere parte delle tradizioni culturali e aprirsi a nuove culture, in questo caso quella occidentale (che comunque vedeva e forse anche ora, queste tradizioni come una forma di oppressione della libertà della donna).
La parola gei in giapponese significa arte ed è proprio di questo che si occupa una geisha: lei deve saper danzare, cantare, frusciare il ventaglio ma anche saper conversare brillantemente. Questo mondo è fatto di piccoli gesti e sottigliezze quasi impercettibili che però hanno un peso preciso. L' attenzione per i dettagli quindi è tutto: un polso lasciato leggermente scoperto, una piccola parte della nuca libera dal trucco e le labbra dipinte di rosso non sono certo cose casuali ma strumenti per poter mostrare il proprio talento.
Tutto ciò si ottiene grazie ad anni di studio e di fatica in cui le bambine devono dimostrare non solo di avere le doti fisiche per poter diventare geisha ma anche il carattere e la tenacia per affrontare le invidie e gli inganni che inevitabilmente si creano in questo ambiente.
Proprio in questo contesto si inserisce la storia di Chiyo, figlia di un pescatore e sorella di Satsu.
Il destino non è clemente con le piccole, che vengono separate e vendute: Chiyo destinata ad un okiya, per lavorare come serva mentre la sorella è costretta a prostituirsi. La vita della protagonista cambia quando un giorno incontra un uomo che le offre un gelato perchè la vede molto triste. Questo gesto le mostra la forza dirompente della gentilezza e le basta per motivarla e darle uno scopo: quello di diventare una geisha per poter frequentare una volta cresciuta quell' uomo.

Il film non ha la stessa forza del romanzo questo è certo ma si rivela un vero piacere per gli occhi, grazie ad atmosfere suggestive e oniriche, arricchite da scenografie e custumi raffinati, cose che rischiano però di prendere il sopravvento sui contenuti. Una pellicola molto valida, che colpisce lo spettatore per merito anche a scene come quella della danza sotto la neve di Sayuri (Chiyo), un momento di pura e incantevole poesia.


12 commenti:

  1. Il film mi è piaciuto e prima o poi voglio leggere anche il romanzo!

    Nameless Fashion Blog
    Nameless Fashion Blog Facebook page

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se ti è piaciuto il film non potrai che adorare il libro ;)

      Elimina
  2. Adoro questo film. Visto un milione di volte è fantastico!

    RispondiElimina
  3. Anche questo è uno dei film che non ho visto e mi piacerebbe vedere!
    Grazie :)
    Life, Laugh, Love And Lulu!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se lo guardi fammi sapere cosa ne pensi :)

      Elimina
  4. Adoro questo film! lo rivedrei 1000 volte! ;)
    Ti va se ci seguiamo a vicenda?
    www.godblessmynewdress.com

    RispondiElimina
  5. In assoluto il mio film preferito! Secondo me però, è stata questa una di quelle rare volte, in cui libro e film hanno giocato abbastanza alla pari. Anche se il libro mi ha regalato qualche emozione in più, soffermandosi molto sulle emozioni di Chiyo da bambina, come quando camminava a piedi nudi sulle foglie morte dell'autunno, il film ha assolutamente rispecchiato la mia immaginazione. Regna sovrana l'eleganza, e trasmette un messaggio di purezza e bellezza, che al giorno d'oggi non riusciamo più a vivere e insegnare!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il film è bello ma per me non arriva ai livelli del libro. Hai ragione quando parli di purezza e eleganza, dai film c è sempre da imparare

      Elimina
  6. Non ho letto il libro ma spero di riuscire a farlo presto... Del film però me ne sono innamorata!

    Nadia from The Life In A Year

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se ti piace il film il libro non ti deluderà di sicuro ;)

      Elimina