13 giugno 2013

Pieraccioni, Santa Maria Novella, il ciclone

«Fu un bacio vero, profondo, carnale ... insomma con la lingua, parecchia lingua! E poi ci si baciò tantissimo, 4 o 5 ore di seguito. E fu dopo quel bacio eccezionale che lei mi guardò dritto negli occhi e mi disse: «Ho ancora fame!». Si rifece tutti ì giro da capo: i lungarni, il mercato di San Lorenzo, Piazza Santissima Annunziata e poi alle 9.10 senza aver dormito neanche un minuto si passò a prendere la valigia dall' hotel Cavour e accompagnai Caterina direttamente alla stazione, dove aveva l' intercity per Roma che poi l' avrebbe portata precisa alla coincidenza con l'aereo per Madrid. 
E lì alla stazione pensai che i treni son fatti apposta per gli addii ... partono piano, lenti, lenti, tu hai tutto il tempo per pensare a chi sta partendo e mentre la vedevo andar via mi vennero in mente due cose: la prima, ma se quel cartello con l'indicazione dell'agriturismo l' arcobaleno non fosse mai caduto, io sarei stato lì come un bischero a quell'ora alla stazione? E poi, ma io secondo voi quel treno l' ho perso veramente?» Il ciclone

10 commenti:

  1. Risposte
    1. Pienamente d' accordo!
      passo sicuramente :)

      Elimina
  2. Ahahaha me lo ricordo! Non conoscevo il tuo blog, mi sono unita ai tuoi lettori! Un bacio Lucy www.tpinkcarpet.com

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi fa davvero piacere che ti sia unita ai lettori Lucy!

      Elimina
  3. Bellissimo film. La mia parte preferitissima.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io non saprei neanche decidere qual è la mia parte preferita!

      Elimina
  4. Che film! Un pezzo di storia, anche mia, mi ricorda quando ero più piccola...l'avrò visto 20 volte!

    RispondiElimina
  5. Troppo bello sto film. Il più riuscito di Pieraccioni!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì anche secondo me è il più riuscito

      Elimina